Come impostare l’allarme di casa sul proprio smartphone

videocontrollo_9o826udrNella società in cui viviamo è impossibile pensare di vivere senza installare un sistema di protezione per la propria abitazione. Secondo i dati emersi dalle statistiche, i furti in casa sarebbero aumentati, soprattutto nei periodi a ridosso dell’estate e delle feste.

A tale riguardo, la tecnologia sfrutta l’innovazione per portare l’allarme di casa direttamente sul proprio cellulare. Se ci pensate, qual’è il dispositivo che viene sempre con voi, nelle vostre tasche, anche in vacanza?

Lo smartphone vi permetterà di gestire e controllare la situazione della vostra casa in qualunque momento, godendovi la vacanza.

Sistemi di allarme per smartphone Android

Per assicurare la propria casa dai furti non è obbligatorio installare un antifurto vero e proprio, basta solo acquistare uno smartphone, nello specifico uno che abbia il sistema operativo Android.

Se non volete spendere molto, potete orientarvi sugli smartphone più economici, che comunque garantiscono gli stessi servizi e le stesse applicazioni di quelli più costosi. Ricordate che vi state servendo dell’antifurto sul cellulare proprio per risparmiare sui costi di installazione di un sistema di allarme tradizionale. I prezzi degli smartphone Huawei sono attualmente tra i migliori sul mercato, in termini di rapporto qualità/prezzo, seguiti dai cellulari Alcatel, caratterizzati da costi irrisori.

Per impostare l’allarme di casa sul proprio smartphone, preparate i seguenti articoli:

-uno smartphone con sistema operativo Android

-una connessione internet
-l’applicazione per il sistema di allarme mobile

Il sistema di antifurto su smartphone funziona rilevando l’eventuale movimento: il sensore del cellulare scatta avviando una chiamata al numero di cellulare impostato. Perché il sensore rilevi il movimento sospetto, occorre posizionare lo smartphone in un punto strategico dell’abitazione, ad esempio dietro al portone di casa.

A questo punto dovrete impostare il numero di telefono da chiamare in caso di allarme, come quello del vostro cellulare privato, seguito da una password di riconoscimento, che vi servirà per accedere all’applicazione per impostare il grado di sensibilità del sensore che desiderate.

Una cosa importante da ricordare è di disabilitare il blocco schermo dello smartphone che posizionerete in casa, in modo da permettere all’applicazione di funzionare correttamente, senza essere sospesa a causa della modalità stand by del display.

Esistono diverse applicazioni per questo scopo, alcune che rilevano persino gli eventuali rumori, facendo scattare la fotocamera ed immortalando il fattaccio. Le applicazioni per l’antifurto mobile funzionano anche quando lo smartphone è sotto carica, ma è comunque consigliabile fare delle prove di funzionamento.

Queste applicazioni consentono di impostare fino a 3 o 4 numeri di emergenza, in modo da garantire che l’allarme raggiunga almeno uno dei numeri destinatari impostati.

Firmato: Giorgia Minozzi
Sito web: http://www.eurotelefonia-store.it/huawei.htm
Twitter :

Non Registrato

Autore: Non Registrato

Biografia:

Utente che non si è registrato ma ha contribuito inserendo questo articolo.



Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*