La lingua Italiana: affari per 42 milioni di euro

studenti-stranieri-in-italiaOgni anno vengono nella Penisola, per approfondirne gli aspetti linguistici e culturali, circa 22 mila stranieri.

Cresce in particolare la presenza di studenti dai paesi emergenti, soprattutto Russia e Brasile. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto interno dell’Asils, l’associazione che riunisce le scuole di Italiano come “Lingua Seconda”.
Oltre i due terzi degli studenti sono donne (68,1%), mentre solo il 31,9% degli iscritti è di sesso maschile. Quasi il 60% è di età compresa fra i 18 e i 35 anni. Nel dettaglio, gli studenti fra 18 e 25 anni sono il 32,5%, mentre un altro 26,9% è costituito da giovani fra 26 e 35 anni. A seguire persone in età matura (36-50 anni, 18,1%) e anche un numero non trascurabile di ultracinquantenni (12,2%). Un altro 10,3% degli studenti è invece minorenne. Dal punto di vista occupazionale si tratta prevalentemente di studenti (il 43,4%), seguiti da impiegati (13,3%), professionisti (7,4%) e docenti (6,9%).
Letteratura, arte, design e moda sono fra i principali interessi culturali che spingono gli stranieri a venire in Italia per studiarne la lingua. L’amore per la cultura del nostro Paese e per il Made in Italy a 360 gradi è infatti la molla principale che spinge giovani stranieri a studiare l’italiano in una delle località della penisola.
Dalla Germania, Stati Uniti e Giappone arriva il maggior numero di studenti di lingua italiana. L’Europa si conferma il principale mercato di riferimento con un’incidenza del 63,5%. Nel dettaglio, il 52,3% degli studenti arriva dall’Europa dell’Ovest, l’11,2% dall’Europa dell’Est. Da Usa e Canada, il 10,3% da Asia e Medio Oriente, l’8,7% da Messico e America centro-meridionale.
In Toscana arrivano soprattutto statunitensi, tedeschi e svizzeri. Il Lazio è preferito da tedeschi, statunitensi, brasiliani e francesi, mentre in Lombardia si recano soprattutto russi, tedeschi e statunitensi.
Altro che lingua morta, forse dovremmo rivalutare meglio le ricchezze del nostro paese, visto che gli stranieri , a volte, l’apprezzano più che noi…

Firmato: Docs
Sito web:
Twitter :


Non Registrato

Autore: Non Registrato

Biografia:

Utente che non si è registrato ma ha contribuito inserendo questo articolo.



Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*