L’Arcipelago delle Egadi

Arcipelago-delle-EgadiE’ la piu’ estesa riserva marina d’Europa con i suoi 53.992 ettari, di fronte alla costa occidentale della Sicilia.

Un mare cristallino quello delle Egadi, cantato da Omero nel nono libro dell’Odissea: Ulisse approda a Aegades, l’isola delle capre che i Greci chiamarono poi Aegusa. Uno specchio di mare teatro di importanti battaglie navali, come quella, decisiva, combattuta nel 241 a. C. tra la flotta romana guidata dal Console Lutazio Catulo e la compagine cartaginese capitanata da Amilcare Barca.

Salvaguardato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e gestito dal Comune di Favignana, le isole di Favignana, Levanzo, Marettimo e gli isolotti di Formica e Maraone offrono a tutti gli amanti della natura e del mare affascinanti mete di viaggio: spiagge bianche, calette nascoste e suggestive grotte marine. Splendidi fondali che circondano le isole, ricchi di flora e fauna mediterranea: un angolo di paradiso.

Favonius, ovvero Favignana, chiamata come il vento caldo , sorge in un’insenatura naturale vicino al porto ed e’ dominata dal Monte di Santa Caterina, alto poco piu’ di 300 metri su cui e’ stato edificato nel IX secolo il castello e la torre di avvistamento.
Le cave di tufo e di arenaria, che mutano i loro colori in un gioco di luci ed ombre. I sentieri di trekking di Marettimo, fino alle calette appartate di Levanzo, queste isole sono in grado di far riscoprire al visitatore odori e sapori che sembravano dimenticati.
Arrivando alle Egadi non si puo’ non gustare il ”cous cous” che dal tradizionale piatto arabo ha preso la preparazione a base di semola e la cottura a vapore in pentola di argilla, ma che ha sostituito l’ingrediente del montone col gustosissimo pesce di questo mare insaporito con spezie e pomodoro.
Altra meraviglia gastronomica sono le polpettine di tonno cotte in sugo di pomodoro profumato alla menta o i busiati al pesto: pasta fresca condita con pomodoro crudo, olio, basilico, aglio e mandorle tostate.
E poi il pesce, re incontrastato della gastronomia dell’isola: cernie, saraghi, triglie di un sapore impareggiabile e poi ovviamente il tonno. Si trova in questo mare la migliore qualita’ di questo tipo di pesce e’ il ”Thunnus thinnus” il migliore pescato nel Meditarraneo.

Firmato: Echos
Sito web:
Twitter :


Echos

Autore: Echos

Biografia:

Un solo pensiero nella mente, ogni giorno sempre più struggente: lascio di Me solo l' Eco.



Contatti

Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*