L’interrogativo esistenziale del vivere o morire

Amleto-con-il-teschio-di-Yorick« Essere, o non essere, questo è il dilemma:
se sia più nobile nella mente soffrire i colpi di fionda e i dardi dell’oltraggiosa fortuna
o prendere le armi contro un mare di affanni e, contrastandoli, porre loro fine. Morire, dormire…
nient’altro, e con un sonno dire che poniamo fine al dolore del cuore e ai mille tumulti naturali
di cui è erede la carne: è una conclusione da desiderarsi devotamente. Morire, dormire.
Dormire, forse sognare. Sì, qui è l’ostacolo, perché in quel sonno di morte quali sogni possano venire
dopo che ci siamo cavati di dosso questo groviglio mortale deve farci esitare. È questo lo scrupolo
che dà alla sventura una vita così lunga. Perché chi sopporterebbe le frustate e gli scherni del tempo,
il torto dell’oppressore, la contumelia dell’uomo superbo,gli spasimi dell’amore disprezzato, il ritardo della legge,
l’insolenza delle cariche ufficiali, e il disprezzo che il merito paziente riceve dagli indegni,
quando egli stesso potrebbe darsi quietanza con un semplice stiletto? Chi porterebbe fardelli,
grugnendo e sudando sotto il peso di una vita faticosa, se non fosse che il terrore di qualcosa dopo la morte,
il paese inesplorato dalla cui frontiera nessun viaggiatore fa ritorno, sconcerta la volontà
e ci fa sopportare i mali che abbiamo piuttosto che accorrere verso altri che ci sono ignoti?
Così la coscienza ci rende tutti codardi, e così il colore naturale della risolutezza
è reso malsano dalla pallida cera del pensiero, e imprese di grande altezza e momento
per questa ragione deviano dal loro corso e perdono il nome di azione. »

Amleto III atto [William Shakespeare]

Firmato: Obitorium
Sito web:
Twitter :
Obitorium

Autore: Obitorium

Biografia:

Il buon nome non sostituisce l'intelligenza... anzi spesso la uccide!



Contatti

Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*