Menù delle Feste e Strage Natalizia

piccolo-ovinoPuntualmente si arriva alle tradizionali feste natalizie con conseguenti atmosfere gioiose e speranze positive per il futuro, ma non tutti aspettano queste feste con la stessa ansia “umana”.

Infatti questo evento che “accomuna” tutti i popoli della terra, fino ad aspettare la fine dell’anno per dare un saluto al nuovo anno, nasconde uno dei più impensati “incubi” per tanti animali.
Le cifre che emergono da un’elaborazione su dati Istat commissionata dalla Lega antivivisezione (Lav), ci fanno notare come lo scorso anno sono stati macellati più di 5,5 milioni di ovicaprini, il 30,5% dei quali a dicembre, mese in cui gli agnelli hanno rappresentato l’88,2% del totale degli esemplari uccisi per scopi alimentari.
Ma a questa strage si accodano anche i maiali che per l’occasione vengono macellati molto più velocemente con un ritmo così serrato che dopo la pratica dello stordimento (che avviene applicando alla testa dell’animale una forte scarica elettrica) , gli animali vengono poi gettati nelle vasche di acqua bollente, ancora coscienti.
E’ emerso da alcune analisi che nei polmoni si trova sia sangue che acqua. Segno inequivocabile che erano ancora vivi e hanno respirato acqua bollente quando sono stati gettati nelle vasche.
Sono 8 milioni i cotechini e gli zamponi consumati durante le festività di fine anno. 8 milioni in pochissimi giorni. Questo è quanto stimato dalla Coldiretti.

Ognuno di noi può fare la differenza dando il suo contributo affinchè questa festività rinasca all’insegna della semplicità, serenità, dei valori della famiglia e soprattutto esente da inutili spargimenti di sangue.

– Evitate di mangiare alimenti a base di carne e pesce sia per il pranzo natalizio che per il cenone magro della vigilia. Numerose e gustose alternative vegetariane sono in grado di soddisfare ogni gusto ed esigenza e molte le ricette sono disponibili in internet .

– Non acquistate pellicce, piumini (piume d’oca), vestiario con bordature in pelliccia (spesso di cane e gatto) e oggetti in pelle;
– Non regalate cosmetici e profumi testati su animali, acquistate solo quelli segnalati come “non testati su animali” o cruelty free”.
– Non regalate animali di nessuna specie;
– Boicottate gli alimenti che causano sofferenze e stragi di animali come ad esempio: anguille, capitoni, crostacei, tonno, aragosta, patè d’oca, capponi, capretti, animali macellati con riti religiosi, sushi, rane, lumache;
– non recatevi e non regalate viaggi in paesi o città dove gli animali sono maltrattati. Ne citiamo alcuni:
– Islanda e Giappone: non hanno aderito alla moratoria e proseguono nella caccia alla balena nonostante sia un animale in via di estinzione
– Cina e Corea: cani e gatti sono scuoiati vivi per la loro pelliccia e macellati brutalmente a scopo alimentare
– Spagna: violenza gratuita sugli animali con l’ostentazione volgare e violenta della corrida
– Canada: massacro di foche e mattanza di cuccioli di foca
– Norvegia: caccia alle foche (pelli, alimentare e olio di foca a scopo medicinale)
– Romania: barbare, brutali e raccapriccianti uccisioni di cani randagi ordinate dalle istituzioni
– Siena: tradizione violenta del “palio”
– Asti: tradizione violenta del “palio”
– Chieuti: corsa dei buoi
– Sardegna: sagre e feste pagane con uso di animali in prevalenza cavalli (es. Sartiglia di Oristano)

Per questo Natale, l’associazione ambientalista propone quindi un menu verde sostenibile sia per gli animali sia per l’ambiente. Non è impossibile e le idee sono tante per dare un senso di pace e “coscienza serena” a queste feste. Per esempio gli spaghettoni al ragù di seitan, le frittelle di ceci con mele speziate e la confettura di patate americane. Senza dimenticare il tortino di cioccolato e tofu vellutato con frutti di bosco e purea di mele.
Di certo ci guadagnerete in salute e sicuramente eviterete la possibilità di incappare in qualche alimento “dannoso” messo in vendita nel caos delle feste.

Queste ed altre ricette all’insegna dei buoni sapori le trovate nel mio sito dove con fantasia e tradizione si possono avere delle brillanti idee per una cucina sana e diversa dalla solita “minestra”.

Firmato: gustosericette
Sito web:http://gustosericette.altervista.org/
Twitter :

gustosericette

Autore: gustosericette

Biografia:

Idee per Golosi ma anche spunti per cucinare e affinare la propria passione in cucina.



Contatti

Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*