Rubare… è grave. Ma se a rubare è un pubblico ufficiale…no

carabinieriSarebbe un ottimo titolo per qualche commedia stile Totò e i soliti ignoti, se non fosse invece la realtà che oramai ha superato la fantasia più sfrenata…

Il fatto: un carabiniere ruba 80 euro da un portafogli smarrito che gli era stato consegnato da un cittadino, l’Arma lo scopre e lo rimuove, ma il Tar blocca la decisione ordinando la reintegrazione. Il motivo? Bisogna tener conto dell’età giovane del militare, della sua inesperienza e dei precedenti di carriera.

Succede a Collegno, il paese in provincia di Torino divenuto noto per lo “smemorato”. E forse proprio prendendo spunto dal noto episodio tragicomico, i giudici del Tar piemontese hanno deciso di cancellare un provvedimento dei superiori di un carabiniere disonesto mettendo una bella pietra sopra.

Il carabiniere era stato condannato in sede penale a un anno e quattro mesi di reclusione per il reato di peculato, con il doppio beneficio della sospensione condizionale della pena e della non menzione. Quindi, c’era già stato un occhio di riguardo, e per questo l’Arma dei carabinieri aveva deciso di sanzionarlo con la perdita del grado per rimozione per motivi disciplinari, motivando così: «(…) il carabiniere, all’epoca dei fatti in servizio presso la stazione Carabinieri di Collegno, il 12 agosto 2006, avendo la disponibilità, in ragione dell’incarico di addetto alla ricezione del pubblico, di un portafogli smarrito, rinvenuto e consegnatogli da un cittadino per la restituzione alla legittima proprietaria, si appropriava della somma di circa euro 80,00 custodita all’interno del portafogli stesso. Tale condotta, già sanzionata penalmente, è da ritenersi biasimevole sotto l’aspetto disciplinare in quanto contraria ai principi di moralità e rettitudine che devono improntare l’agire di un militare, ai doveri attinenti al giuramento prestato e a quelli di correttezza ed esemplarità propri di un appartenente all’Arma dei Carabinieri. I fatti disciplinarmente accertati sono di rilevanza tale da richiedere l’applicazione della massima sanzione disciplinare di Stato».

Sembrava che la legge avesse funzionato come richiedono i cittadini che specie negli ultimi tempi tra ladri e furbetti non capiscono più nulla…

Invece NO… illusi cittadini credenti nella giustizia….

Il Tribunale Amministrativo del Piemonte, pur ritenendo «legittimamente motivato» il provvedimento di espulsione perché «conseguente a condotta posta in essere in assoluto spregio ai doveri specifici del militare appartenente al Corpo ed al prestigio di quest’ultimo», ha giudicato «non ragionevole (…) l’inflizione della massima sanzione» per i motivi sopradetti: i precedenti di carriera («tutti pienamente commendevoli»), l’età e l’inesperienza al momento dei fatti («era al suo primo anno di servizio»), e infine «la particolare tenuità del rilievo penale dei fatti».

Giustizia è fatta , secondo loro, senza tener conto della credibilità che ha un carabiniere che ruba!!!

Nei secoli fedele!!! Forse è sfuggito? E la fedeltà a cui si fa riferimento non è solo nei confronti della divisa, ma di quello che rappresenta.

Mi domando se i principi su cui si fondano certe regole di comportamento dipendono dall’esperienza o dalla giovane età… Se uno si comporta da ladro senza avere il rispetto per ciò che rappresenta , dovrebbe pagare per 10 volte di più semmai…. Sempre che non l’abbiano obbligato ad arruolarsi….

Veramente paradossale che in un clima dove questo accusa quell’altro di rubare o approfittarsi dei cittadini abusando della funzione pubblica, il Tar metta in risalto che se uno è giovane ed inesperto può farlo senza conseguenze….

Infine: se qull’onesto cittadino si fosse tenuto il portafoglio e ne avesse rubato i soldi per poi essere scoperto, pagava perchè esperto o chiudevano la cella e buttavano la chiave????

Firmato: Allucinato
Sito web:
Twitter :


Non Registrato

Autore: Non Registrato

Biografia:

Utente che non si è registrato ma ha contribuito inserendo questo articolo.



Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*