Voltare pagina e pensare al viaggio da proseguire

voltare-paginaUn giorno ti crolla il mondo addosso, forse non era il massimo e ci stavi lavorando ancora, in ogni caso non eri pronto.

Poi, con la fortuna di avere delle persone che hanno cercato di guidarti nel nuovo sentiero che la vita ti propone di affrontare, cerchi di voltare pagina ma non è facile.

Vivian Green diceva:
“La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia.“

Bella frase ma chi ti insegna a ballare con l’acqua che alcuni giorni ti solletica la gola e ti sembra di annegare?

Infatti, quando tutto ti sembra tragico e oscuro ti accorgi che qualcosa si può fare:
Reagire, Desiderare, Credere.

Allora devi lasciare andare tutte quelle convinzioni che oscurano la tua mente e ti rendono arido e inconcludente verso tutto e tutti.
Quelle situazioni che si sono accumulate nel tempo e che non ricordi nemmeno più ma vivi solo nella sensazione di un disturbo mentale di certe cose.
Allora devi “reagire” e mordere la vita che vuoi per te, lasciando indietro i piccoli pezzetti di vita che vuoi salvare e ti ostini a ricomporre per trovare un senso o ricominciare da dove è accaduto il black-out dei tuoi sensi.

Desiderare e provare a fare tutte quelle cose che hai rimandato per troppo tempo credendo di essere immortale, liberandoti dai pensieri che ingolfano la tua mente e che non hanno più senso: crea armonia e buoni pensieri verso tutti.

Credere negli altri, credere che tutto può avere un senso e può essere sfruttato a nostro vantaggio per essere delle persone migliori.
Poiché avere la certezza che il proprio pensiero possa cambiarci la vita, fa si che la tua vita comincia a cambiare.
Di tanto in tanto, resti deluso. Talvolta, vieni ferito.
Ma tu sai che prezzo vali.
Allora convinciti che quel prezzo lo sanno anche le persone che ti vogliono bene e se anche la tua mente ti gioca lo scherzo di accanirti verso sensazioni che si basano sul nulla, reagisci “credendo”.

Ci sono vari metodi più o meno efficaci che ci possono portare a dei buoni risultati nel percorrere al meglio il sentiero che dobbiamo percorrere per vivere al meglio.
Dipende tanto dalla nostra vena artistica o meglio da ciò che “crediamo” di essere capaci di fare. Di sicuro è relativo a quel senso di reazione che ci deve ossessionare per vedere di nuovo la nostra anima riemergere dal buio in cui l’abbiamo nascosta.

– Scrivere ovunque tu voglia per portare a galla ed esprimere al meglio i tuoi sentimenti sopiti o feriti.
– Parlare, leggere, cantare, guardare un film, l’importante che tutto ciò ti gratifichi e aumenti la tua autostima.
– Ma va bene anche costruire, fare del “fai da te”, dedicarsi ad un hobby legato possibilmente a conoscere altre persone.
– L’importante è non focalizzare i tuoi pensieri su ciò che hai perso, che potevi, che volevi, che credevi di fare, ma solo sul presente e futuro che ti aspetta insieme alle persone che credono in te e che i fatti ti hanno dimostrato che si sono prodigate per te.

Nel bene o nel male, tutti noi tendiamo ad alimentare i rapporti con le persone e le situazioni che ci fanno sentire “a casa”.
E sarebbe anche una cosa meravigliosa relativamente ad un’infanzia stupenda con genitori e fratelli affettuosi che andavano d’accordo e via dicendo.
Altrimenti è veramente facile rimanere impantanati nelle sabbie mobili delle emozioni e di quelle sensazioni che si generano nella mente e che nel tempo perdono il valore che hanno e si trasformano in demoni il cui unico scopo è divorarti.

Quindi bisogna affrontare queste emozioni seguendo delle strategie.
Molti di noi tendono a rivivere i momenti di stress emotivo, cosa che crea solo un turbinio di emozioni e disabilita la nostra capacità di reagire.
Invece è importante riepilogare quello che è accaduto vivendolo dall’esterno o come se accadesse a qualcun altro, questa strategia permette di ripensarci “a freddo”.
Questo eviterà di farvi il vostro film mentale. Invece di concentrarsi su cosa avete provato, concentratevi sul perché lo avete provato.
Permettendo all’ intelligenza emotiva di manifestarsi e inducendovi a lavorare sulla comprensione del perché avete reagito alla situazione.
Per arrivare ad un’analisi a mente fredda che vi aiuterà a gestire le emozioni e le sensazioni che vi fanno stare male o in uno stato di ansia.

Spero che ciò che ho scritto possa essere d’aiuto a chi come me è stato vittima di eventi che lo hanno reso incapace di affrontare al meglio la propria vita e vogliono voltare pagina. Quella pagina che non ci permette più di vivere in serenità e ci fa perdere di vista che la vita finisce quando meno te lo aspetti.

Ma vuole anche essere un auspicio per il mio futuro, lontano dal ripetere situazioni ed emozioni che mi hanno avvilito la mente e vicino alla mia donna che mi ha saputo far vedere oltre i muri che mi ero costruito e che ogni tanto mi aiuta a demolire quando li incontriamo nel nostro viaggio.
Grazie a chi mi ha voluto bene e continua a volermene.

Firmato: Be Happy
Sito web: https://www.youtube.com/watch?v=d-diB65scQU
Twitter :

Autore: Be Happy

Biografia:

Questo utente non ha ancora fornito nessuna informazione personale!


Contatti

Commenti

  1. Silvia.yuppie dice:

    Bisogna imparare a ridere di se stessi allora vedi che nessuno può farti del male.

Scrivi La Tua Opinione

*

Immagine CAPTCHA

*